Come l’odio nella violenza psicologica si può realizzare anche con il silenzio, la sopraffazione degli uomini sulle donne a volte si avvale dell’invisibilità imposta con il burka e o simili costumi, che nei paesi occidentali può concretizzarsi in una narrazione che trascura le donne nella storia, nella toponomastica, nei  mass media, nell’anagrafe e nel linguaggio.

La Rete per la Parità, contro silenzi e invisibilità che opprimono le donne e ledono il diritto all’identità, sin dalla propria fondazione nel 2010 ha previsto Mai più donne invisibili come uno dei propri tre obiettivi.

Questa parte del sito è dedicata al linguaggio non sessista e si connette con quella riguardante Il cognome della madre.

 

–CA’ FOSCARI 2011–

nominare_19_9_20113

Programma

Atti del convegno 2011

Vedi anche le due interviste in occasione del convegno nel canale YouTube di Ca’ Foscari:
Giuliana Giusti 19-09-2011 Lingua e identità di genere
Rosanna Oliva 19-09-2011  Nel nome del padre e della madre

 

–CA’ FOSCARI 2018–

giustlights-2018

 

 

 

Il programma di LIGHTS 2018

 
VIDEO “Le parole sono pietre”. A Ca’ Foscari focus sulla parità di genere – TGR Veneto

Poster della Rete per la Parità sul cognome della madre

Presentazione del poster

Cenni di bibliografia

Condividi su

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

css.php