Articoli

Oltre SANREMO. RAI urgente la riforma per una libera opinione pubblica e fuori i partiti

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Al Ministro dello Sviluppo economico

Ai Presidenti e Capigruppo Camera e Senato

 Ai Leader di M5s, PD, Italia Viva, di LEU e SI

Al Presidente della RAI

Il destino del nostro Paese è legato anche alla Rai alla quale è affidato il servizio pubblico radio televisivo e digitale, perché,  come precisò la Corte Costituzionale nel 1993, i principi fondanti dello Stato “esigono che la nostra democrazia sia basata su una libera opinione pubblica e sia in grado di svilupparsi attraverso la pari concorrenza di tutti alla formazione della volontà generale” (sentenza n. 112 del 1993).

Le dichiarazioni sessiste e le scelte preannunciate nella conferenza stampa tenuta dal direttore artistico e conduttore del Festival di Sanremo 2020 risultano in contrasto con il Contratto di Servizio Pubblico tra Rai e Ministero dello Sviluppo Economico e hanno provocato migliaia di reazioni da parte di singole persone, associazioni, in particolare provenienti dal mondo femminile, nonché da istituzioni e loro rappresentanti.

E’ mancata una risposta adeguata e non risultano modifiche al programma né è stato escluso dalla gara l’autore di canzoni violente; hanno aggiunto sconcerto i tentativi mal riusciti di scuse del direttore artistico e conduttore e quelle del trapper e non c’è stata una presa di posizione precisa da parte dei dirigenti interpellati.

Anche questa volta non ha funzionato il complesso sistema di vigilanza e controllo del servizio pubblico, a partire dal ruolo della stessa RAI (in particolare della Direzione di RAIUNO) e tantomeno sono scattati i meccanismi che fanno capo innanzitutto al Governo (in particolare il MISE), al Parlamento (Commissione di vigilanza), all’apposita Autorità (AGCOM), e altri, per un totale addirittura di sedici organismi.

Se ne ricava l’assoluta necessità di modifica delle norme che regolano il servizio pubblico radiotelevisivo e digitale, per affrontare alla radice il rapporto patologico tra questo e la politica e arrivare a “una riforma improntata all’idea dell’indipendenza e del pluralismo”, come recita il programma dell’attuale Governo. Le idee ci sono: esistono vaste convergenze sulle proposte di Paolo Gentiloni, di Roberto Fico e su quella d’iniziativa popolare di Tana De Zulueta, avanzata da anni.

Se ci fosse la volontà politica, la riforma si potrebbe approvare in tempi rapidi e ci auguriamo che l’occasione per iniziare l’iter necessario sia offerta proprio dalle polemiche  di questi giorni relative al Festival di Sanremo 2020 e la spinta possa arrivare dall’interno dell’Azienda, nel suo stesso interesse.

Con la presente petizione si chiede:

–        che la riforma della RAI  sia inserita nelle priorità che stanno per essere individuate nel cronoprogramma della maggioranza;

–        che le proposte di riforma d’iniziativa parlamentare siano inserite tra quelle da esaminare nelle competenti Commissioni di Camera e Senato e si avviino le opportune audizioni;

–        che  la RAI partecipi al complesso iter della riforma con spirito collaborativo.

 

Donatella Martini DonneinQuota

cell. 3356161043

info@donneinquota.org

www.donneinquota.org

https://www.facebook.com/DonneinQuota.org/

 

Rosanna Oliva de Concilis – Rete per la Parità

segreteria.reteperlaparita@gmail.com

www.reteperlaparita.it

https://www.facebook.com/reteperlaparita/

La conferenza stampa dell’8 novembre presso la Sala stampa della Camera dei Deputati si è aperta con la proiezione del video che documenta il rilascio pochi giorni fa, da parte del Comune di Genova,  della carta d’identità con il doppio cognome al bimbo di cinque anni i cui genitori, Marcello Galli e Manuela Magalhäes, avevano intrapreso alla sua nascita la lunga battaglia giudiziaria seguita dall’avvocata Susanna Schivo e, conclusa con la  vittoria davanti alla Corte Costituzionale.

Un anno dalla sentenza 286/2016 della Corte Costituzionale, un anno in più senza una riforma organica della materia, che consenta la piena attuazione dei principi di parità tra madre e padre e del diritto all’identità, affermati nella Costituzione e richiamati dalla Consulta un anno fa. A denunciare questo vuoto normativo sono ancora una volta le Associazioni: CNDI, InterClubZontaItalia e Rete per la Parità. Una conferenza stampa a Montecitorio per affrontare, con parlamentari e associazioni interessati, la necessità che il Parlamento approvi una legge attutiva della sentenza 286/2016, garantendo alla nascita del figlio o figlia l’automatico riconoscimento di entrambi i cognomi (salvo il rispetto di una diversa concorde volontà dei genitori)  e non solo l’aggiunta del cognome della madre quando  c’è il consenso anche del padre, come la Corte si è limitata a disporre come effetto immediato della dichiarazione di illegittimità costituzionale della norma in base alla quale in Italia  si impone il solo cognome del padre. Il tema è di primaria importanza rispetto alla necessità di riconoscere i diritti di identità, di parità e di cittadinanza, precisa la Presidente della Rete per le Parità, Rosanna Oliva de Conciliis.  L’avvocata che ha patrocinato i genitori di Genova Susanna Schivo, socia del Club Zonta Genova 2, mette in rilievo le criticità in assenza della legge attuativa. Manuela Magalhäes, la mamma che con il marito ha promosso il ricorso (e che in Italia si è vista privare del secondo cognome), sottolinea la necessità di riconoscere entrambe le famiglie di origine anche attraverso l’attribuzione del doppio cognome. Un passaggio fondamentale per Daniela Monaco, presidente del CNDI – Consiglio Nazionale delle Donne Italiane e socia dello Zonta Club Roma Parioli III, che ha presentato un pieghevole illustrativo sulle possibilità aperte dalla sentenza della Corte costituzionale,  che i Club Zonta distribuiranno sul territorio nazionale, nei Comuni e nei presidi sanitari, per far conoscere ai neo genitori la possibilità della scelta. Nadia Garis, Presidente dell’InterCluZontaItalia, riconosce all’iniziativa una valenza di strumento contro la violenza sulle donne perché mette in risalto il ruolo della donna nella famiglia e nella società. Un’iniziativa che riceve anche l’importante patrocinio dell’Anci.
 Più critica la statistica Linda Laura Sabbadini, che ritiene la sentenza della Corte Costituzionale incompleta perché, pur avendo sancito indiscutibilmente il diritto all’identità del figlio e all’uguaglianza dei genitori, ha lasciato ancora una volta al legislatore il compito di approvare una legge.  Se la Corte, sostiene Linda Laura  Sabbadini, dopo settanta anni dalla nascita della Carta, avesse finalmente non solo riconosciuto, ma applicato pienamente i principi costituzionali, ci sarebbero state minori ricadute negative per la mancanza di una legge attuativa, che comunque è necessaria anche solo per evitare in futuro il moltiplicarsi dei cognomi con il succedersi delle diverse generazioni (cosa che il testo varato nel 2014 dalla Camera non risolve).

E se da un lato le parlamentari intervenute, Roberta Agostini,  Adriana Galgano e Renata Bueno (anche Francesco Paolo Sisto ha esposto la sua posizione), si impegnano ad un ultimo tentativo per far approvare prima della fine della legislatura, con le necessarie modifiche, la legge ancora all’esame della Commissione Giustizia Senato, dall’altro la rappresentante Anci, Irma Melini, ha annunciato la presentazione del pieghevole informativo nelle Città italiane, ad incominciare da Matera con Adriana Poli Bortone e da Bari con Antonio Decaro, presidente anche dei Comuni italiani.

Tra il pubblico numerose socie Zonta venute da Genova e altre città.

Irma Melini, Ph.D.

segreteria.reteperlaparita@gmai.com

zontaparioli3@tin.it