Quote rosa

..e su cosa La Rete per la Parità è ancora impegnata

Perché la Rete per la Parità: è stata fondata per ottenere disposizioni e decisioni in linea con i principi Costituzionali sulle pari opportunità donna-uomo a Governo, Parlamento, Regioni e Comuni, e per il loro rispetto. Abbiamo preparato e divulgato le nostre richieste grazie alle associazioni, università e gruppi di donne che stano al nostro interno, a volte in collegamento con reti ancora più ampie, in nostri Convegni e Seminari con esperte ed esperti, o in interventi a convegni, assemblee, manifestazioni e sui social e contatti con le/i parlamentari. Ci avvaliamo molto dei collegamenti via mail, sito, social.

Mai più donne portatrici d’acqua
(no a donne candidate per portare voti agli uomini)

Obiettivi raggiunti, che stiamo anche monitorando nei risultati:
Più donne:
• nei Consigli di amministrazione delle società pubbliche e in quelle quotate in borsa,
(Legge 120 del 2011, cosiddetta legge Golfo Mosca)
• nella Camera dei deputati, (Legge 6 maggio 2015, n. 52, cosiddetto ITALICUM)
• nei Consigli regionali e comunali, nelle Giunte comunali e regionali (Legge 215 del 2012)
Stiamo lavorando
• Per un nuovo Senato in cui siano presenti anche le donne (riforma costituzionale)
• Per avere in tutte le regioni leggi elettorali con norme di garanzia di genere (riforma costituzionale e proposte di legge C. 1278 Marco Meloni ed abb., recanti disposizioni volte a garantire l’equilibrio nella rappresentanza tra donne e uomini nei consigli regionali)

Mai più donne invisibili

Partiamo dalla consapevolezza che un’immagine della donna deformata dagli stereotipi e la scarsa presenza delle donne vere nei mass media contribuiscono a rallentare il cammino verso la parità, perciò vogliamo:
La par condicio di genere (Norme per garantire la presenza delle donne nei mass media, in particolare nel servizio pubblico radiotelevisivo delle candidate durante le campagne elettorali)
Obiettivi raggiunti:
Legge 215/2012, art. 4
Regolamenti per le campagne elettorali della Commissione parlamentare di vigilanza e dell’AGCOM
Stiamo ancora lavorando per il rispetto delle norme e la diffusione dei dati sulla par condicio di genere da parte del Servizio Pubblico Radiotelevisivo e dell’AGCOM.
Contro l’invisibilità delle madri: anche il cognome delle madri alle figlie e ai figli. Seguiamo l’iter delle proposte in Parlamento e ci siamo inserite nel ricorso davanti alla Corte Costituzionale di due genitori di Genova, visto che per arrivare a una legge non sono state sufficienti decisioni della Corte di cassazione e la condanna di Strasburgo.
Per un linguaggio di genere: Obiettivo parzialmente raggiunto. La Rete per la Parità ha partecipato a varie iniziative con le Università, le associazioni e tramite FACEBOOK. In questi ultimi anni è aumentato l’uso di termini al femminile, anche in Parlamento per disposizioni interne alla Camera dei deputati, ma non abbastanza. Servono disposizioni della Presidenza del Consiglio sui titoli ufficiali, novità negli Ordini professionali e iniziative per i libri di testo.
Toponomastica: In pochi anni, grazie a Toponomastica femminile, nelle città, non solo in Italia, aumentano piazze, vie e luoghi pubblici intitolati alle donne.
Dati di genere:
Obiettivo parzialmente raggiunto

I dati di genere ormai sono abbastanza diffusi, e dove mancano cerchiamo di elaborarli e diffonderli (vedi risultati elettorali delle ultime amministrative e regionali).
Occorrerebbero anche iniziative per la lettura di genere delle leggi, dei bilanci pubblici e trasparenza nei dati.

Mai più donne dimissionate
(sul vasto tema del lavoro delle donne)

Nuove norme nazionali per evitare le dimissioni in bianco
Obiettivo quasi raggiunto
(Legge n. 92 del 2012, c.d. Riforma Fornero che introduce convalida e Jobs Act, manca ancora il Regolamento)
Conciliazione/ condivisione
Obiettivo parzialmente raggiunto
: stiamo seguendo alla Camera la legge di stabilità che nel testo approvato dal Senato prevede soltanto l’aumento da uno a due giorni di congedo obbligatorio per i padri.
A pari lavoro pari guadagno: Seguiamo l’attività dei CUG (Comitati Unici di Garanzia ) e dei superstiti CPO (Comitati pari Opportunità) e ne segnaliamo l’eventuale assenza.
Vista la situazione molto problematica, stiamo preparando la richiesta di riavviare, da parte del Dipartimento Pari Opportunità la raccolta e il monitoraggio del Piano triennale di azioni positive
previsto dalla legge 53 del 2000, per conoscere sia l’esistenza dei CUG sia la loro efficienza, anche ai fini dell’applicazione delle misure previste a carico delle Aziende con più di 100 dipendenti e degli Enti pubblici.

_ _ _ _ _

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.