Quote rosa

Questo articolo è un aggiornamento di quanto già dichiarato nell’articolo sulle quote rosa nella Giunta di Colleferro


Con l’ordinanza del 13 novembre 2013 il Consiglio di Stato ha accolto la richiesta di sospensiva della sentenza 08206/2013 con cui il Tar del Lazio aveva annullato la composizione della giunta comunale del Comune di Colleferro composta totalmente da componenti di sesso maschili.
L’ordinanza del Consiglio di Stato ha accolto la richiesta di sospensiva presentata dal sindaco Mario Cacciotti basandosi sull’assenza nello statuto comunale di precise disposizione atte a garantire la presenza di entrambi i generi nell’organo esecutivo comunale.

Il Consiglio di Stato sembra tornare indietro sui suoi stessi orientamenti e sembra non tener conto di quanto previsto nella legge 215 del 2012.
Sotto il primo profilo, nell’ordinanza si mette in evidenza come nelle precedenti pronunce sul caso della Regione Campania (4502/2011) e della Regione Lombardia (3670/2012) in merito alla composizione della loro giunta regionale si faccia riferimento a specifiche disposizioni nello statuto regionale, di tipo promozionale in merito alle pari opportunità. In realtà nelle due sentenze i massimi giudici amministrativi avevano dato una lettura diversa delle disposizioni statutarie in tema di riequilibrio di genere e in entrambi i casi era stata ravvisata una vera e propria obbligazione di risultato in capo al Presidente della Regione, il principio di pari opportunità era stato quindi considerato come precettivo.

Venendo al secondo profilo i giudici di Palazzo Spada sembrano aver totalmente ignorato l’esistenza della legge 215/2012 per la promozione delle pari opportunità negli enti locali. Ora con la nuova formulazione dell’articolo 6 del comma 3 del Testo Unico degli enti locali, il rispetto del principio di pari opportunità non è una mera promozione, ma deve essere una “garanzia” recepita dagli statuti comunali che entro sei mesi dall’entrata in vigore della legge dovevano adeguare i loro statuti. Cosa non fatta dal Comune di Colleferro il cui statuto è attualmente illegittimo sotto il profilo delle pari opportunità.

Francesca Ragno
Dottore di ricerca in teoria dello Stato e Istituzioni politiche comparate

Leggi tutto l’articolo su Aspettare Stanca

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.