Articoli

Non una festa ma l’occasione per ricordare le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne e per riflettere sulla condizione femminile e sulle discriminazioni e violenze che hanno subito e subiscono ancora le donne in Italia e nel mondo.

Una giornata per meditare sulle disuguaglianze di genere e in quest’ottica segnaliamo e aderiamo al suggerimento del Soroptimist International d’Europa – SIE, di camminare con scarpe diverse per la parità di genere.

È in corso a New York la 67^ Sessione della Commissione delle Nazioni Unite sulla condizione delle donne – CSW che è iniziata il 6 e si concluderà il 17 marzo. La CSW è una Commissione funzionale del Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite ed è la principale sede politica mondiale dedicata all’eguaglianza di genere e all’emancipazione della donna. Quest’anno il tema prioritario è “L’innovazione, il cambiamento tecnologico e l’educazione nell’era digitale per raggiungere l’uguaglianza di genere e l’empowerment di tutte le donne e le ragazze“, e il tema in revisione, “Sfide e opportunità nel raggiungimento dell’uguaglianza di genere e dell’empowerment delle donne e delle ragazze rurali“.

L’Italia, in collaborazione con UNESCO, UNICEF e UN Friends for Education & Lifelong Learning, ha organizzato per il 7 marzo un evento collaterale dal titolo Rewiring the Network, Digital Education & Skills for Girls’ & Women’s empowerment. Ha inoltre organizzato con Burkina Faso, Zambia, Unione europea, insieme all’Unicef e al Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) il side event, che si terrà il 9 marzo, dedicato al tema delle mutilazioni genitali femminili Harmful Practices: Catalyzing Innovation to End Female Genital Mutilation and Child Marriage”,

Il pensiero della Rete per la Parità è rivolto alle tante donne che per sfuggire, insieme con figlie e figli, a conflitti, persecuzioni e disastri ambientali, perdono la vita, come è accaduto pochi giorni fa sulle coste crotonesi.

La Rete per la Parità ha inviato una lettera di congratulazioni a Margherita Cassano, eletta Presidente della Corte Suprema di Cassazione.

Ecco il testo completo:

Gentilissima Presidente,
la Rete per la Parità ha accolto con grande soddisfazione la Sua elezione al vertice della
Magistratura, prima donna chiamata a ricoprire questo ruolo così importante e, come ha dichiarato il
Presidente della Repubblica nel suo saluto ufficiale, questo aspetto non ha influito sulla nomina, ma
va sottolineato.
Nel congratularci con Lei esprimiamo la nostra soddisfazione anche perché la Rete per la Parità da
anni è impegnata per la presenza di donne qualificate nelle istituzioni. In particolare, per quanto
riguarda il CSM, dopo aver trattato l’argomento in un convegno del 2011, ha monitorato
costantemente l’iter verso la legge di riforma del CSM e l’elezione dei componenti togati e di quelli
laici. Per la prima volta nel CSM, una donna ricopre una delle tre cariche di diritto e aumenta ancora il
numero delle presenze femminili da 10 a 11.
Il 9 febbraio scorso sono stati celebrati i sessant’anni dall’entrata in vigore della legge che ha
immesso le donne in Magistratura, un’importante tappa del cammino verso la parità riconosciuta nella
Costituzione che, per quanto riguarda l’accesso alle carriere pubbliche, era iniziato nel 1960, con la
sentenza n. 33 della Corte costituzionale.
Nella Magistratura, al 28 febbraio 2023, il 56% delle donne è presente nell’organico. Un dato
significativo dell’avanzata delle donne quando il criterio di selezione è il merito. Altrettanto
significativo è però un altro dato: quello riguardante il numero delle cariche ricoperte dalle magistrate
che deve essere ancora rappresentato con la figura geometrica di una piramide con la base molto
ampia e un vertice estremamente aguzzo, chiamando in causa il cosiddetto soffitto di cristallo.
Il Suo contributo, frutto di una scelta convinta e condivisa nel CSM, sarà prezioso per l’intera
Magistratura e per i lavori del Consiglio e del Comitato di Presidenza di cui conosce bene i
meccanismi, avendo fatto parte del CSM nel periodo fra il ‘98 e il 2002.
Ci auguriamo che la Sua elezione all’unanimità alla più alta carica della Magistratura sia il segno
dell’inizio di una nuova fase verso la realizzazione dell’uguaglianza formale e sostanziale voluta dalla
nostra Costituzione che stenta ancora a realizzarsi appieno.
La Rete per la Parità formula i migliori auguri di un proficuo lavoro.

La Presidente
Patrizia De Michelis

La Rete per la Parità, come ha dichiarato durante la Conferenza stampa del 7 febbraio presso la Camera dei deputati, organizzata da Le Contemporanee, condivide le preoccupazioni sorte a seguito dell’invio da parte del Governo al Parlamento dello schema del Nuovo Codice degli Appalti, dove è stato eliminato il cosiddetto “Bollino Rosa”, previsto dall’articolo 46 bis introdotto nel Codice delle Pari Opportunità dalla legge 79/2022.

Si tratta di una premialità alle aziende che riducano il divario di genere in relazione alle opportunità di crescita in azienda, alla parità salariale a parità di mansioni, alle politiche di gestione delle differenze di genere e alla tutela della maternità. C’è da considerare che l’ANAC nel novembre 2022 ha fornito indicazioni alle stazioni appaltanti per favorire l’attuazione di tale misura e ne ha sottolineato l’importanza anche perché in linea con i principi comunitari di parità di trattamento, non discriminazione, trasparenza e proporzionalità.

Già da anni la Rete per la Parità, partendo dai positivi risultati ottenuti in altri Paesi, ha sostenuto l’introduzione: di tale misura anche in Italia: nel 2020 con la Fondazione Ecosistemi ha organizzato per il Festival ASviS dello sviluppo sostenibile l’evento “Parità di genere, responsabilità sociale d’impresa e acquisti pubblici” e nell’ambito del Festival dell’anno successivo l’evento “La certificazione di parità di genere nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: come inciderà sul mercato del lavoro e sugli acquisti pubblici?”.

Inoltre le misure introdotte con la Legge 162/2021 e il via libera alle Linee Guida per la previsione del gender procurement nei bandi di gara che riguardano i progetti finanziati dal PNRR, sono state segnalate come azioni innovative positive nel Rapporto ASviS 2022, nella sezione curata dal Gruppo di lavoro 5 “Parità di genere” di cui fanno parte anche le predette due associazioni.

Il Nuovo Codice degli appalti troverà operatività per tutti i nuovi procedimenti a decorrere dal 1° aprile del corrente anno, mentre dal 1° luglio successivo è prevista l’abrogazione del Codice precedente e l’applicazione delle nuove norme anche a tutti i procedimenti già in corso. Con il testo all’esame delle Camere il Governo intende sostituire l’obbligo con la facoltà nella previsione di meccanismi premiali per la parità di genere e le opportunità generazionali e ridurre l’entità delle cauzioni provvisorie, in caso di possesso della certificazione di parità di genere, dal 30% al 20%.

La Rete per la Parità denuncia che la mancata attenzione alla riduzione del gap sociale ed economico di genere disattenderebbe la parità di genere, uno degli obiettivi fondamentali del PNRR che, insieme con la parità territoriale e generazionale, è in linea con i tre “pilastri”, le priorità trasversali del Next Generation EU. Si verificherebbe una modifica rispetto a quanto previsto nell’art. 47 della legge 108/2021 sulla governance del PNRR.

Una misura comunicata a suo tempo all’UE e quindi non modificabile, come è stato evidenziato con il precedente caso della previsione del limite minimo di 30 euro per i pagamenti digitali, poi ritirata dal Governo.

No a passi indietro, il gap di genere nell’occupazione e nelle carriere è ancora un problema persistente in Italia, come ha confermato l’ultimo rapporto ISTAT, e non è accettabile una retromarcia per motivi infondati. Da alcune parti si sostiene che il “Bollino Rosa” complicherebbe le procedure, mentre è una possibilità e non un obbligo. Così come è privo di fondamento sostenere che penalizzerebbe alcune aziende, in quanto impossibilitate a utilizzarlo.

La Rete per la Parità condanna fermamente ogni modifica al ribasso e propone, per superare la problematica in alcuni settori, come quello edile privo quasi totalmente di personale femminile, l’inclusione delle donne attraverso la modifica dei criteri per l’assegnazione degli incarichi che penalizzano le donne delle professioni, quali avvocate, ingegnere, architette e commercialiste e nei contratti di lavoro per mansioni amministrative.

Dalla conferenza stampa in vari interventi è stata proposta l’istituzione di un tavolo tecnico con la partecipazione dell’ANAC, delle parti sociali e delle associazioni. Anche in questo ambito la Rete per la Parità proseguirà nell’impegno per una società che valorizzi il ruolo e le competenze delle donne e non sprechi risorse preziose per l’economia del Paese.

Italia, 8 febbraio 2023

Video conferenza stampa del 7 febbraio presso la Camera dei deputati

Le Contemporanee, ASviS, Rete per la Paritá, Fuori Quota, Base Italia, CGIL e UIL pari opportunitá e numerosi esponenti del mondo istituzionale da Elena Bonetti a Chiara Gribaudo, Lia Quartapelle e Debora Serracchiani, da Benedetto Della Vedova ad Antonio Nicita, da Susanna Camusso ad Alessandra Maiorino, unite\i per cambiare il nuovo codice degli appalti

Apprendiamo con stupore e con preoccupazione che nel nuovo testo per gli appalti sarebbe “sparito” il cosiddetto bollino rosa, ovvero un requisito aggiuntivo e premiale per le aziende che rispettino alcune regole già definite alla fine del 2021 con la Legge 162 che, nel modificare il Codice Pari Opportunità (DLgs 198/2006), aveva introdotto la Certificazione di Parità di Genere (art. 4 della L.162/2021 che introduce l’art. 46-bis nel Codice Pari Opportunità).

Il Decreto Dipartimento Pari Opportunità del 29 aprile 2022, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 1 luglio 2022, dispone che i parametri minimi per il conseguimento della Certificazione della Parità di Genere di cui all’art. 46-bis del Codice pari opportunità sono quelli di cui alla Prassi di riferimento UNI/PdR 125:2022, pubblicata il 16 marzo 2022, e che la Certificazione può essere rilasciata solo da Organismi di certificazione accreditati.

Nonostante i passi avanti fatti negli ultimi 2 anni su questo fronte, grazie anche al grande pressing profuso da numerose organizzazioni femminili e femministe, da giuriste, economiste, donne e uomini del mondo delle istituzioni, esperte ed esperti attente\i alla parita’ di genere, e consapevoli della enorme occasione rappresentata dal PNRR su cui siamo ripetutamente intervenute, oggi registriamo una battuta d’arresto importante e un goffo passo indietro.

Infatti nel nuovo schema di decreto legislativo recante Codice dei Contratti Pubblici (Atto n. 19) è stato ELIMINATO il riferimento alla Certificazione di Parità di Genere ai sensi art. 46-bis del DLgs 198/2006 quale requisito premiale dellofferta, in quanto unico strumento idoneo a certificare l’adozione di politiche tese al raggiungimento della parità di genere da parte delle organizzazioni (già art. 95 comma 13 del D.Lgs 50/2016). Nè è accettabile trasferire un prezioso riferimento normativo specifico in un allegato: non è buona prassi, soprattutto se viene stravolto il contesto.

È così sbagliato chiedere alle imprese affidatarie di lavori pubblici di compiere passi in avanti verso un cammino comune e ben delineato dal Next Generation Eu?

Siamo consapevoli che il nostro Paese sul fronte dell’offerta delle aziende debba compiere ancora passi in avanti e che moltissime imprese italiane non siano in grado di soddisfare i requisiti richiesti dalla certificazione di parità di genere. 

È un percorso non semplice, ma decisivo. Siamo anche consapevoli che se la domanda pubblica chiede soglie minime cui le aziende non riescono ad adeguarsi rapidamente, pur di non rallentare iter del PNRR si possano invocare, come già previsto, clausole di urgenza per alleggerire a monte obblighi complessi da ottemperare in situazioni complesse. È già previsto nelle deroghe descritte nelle linee guida propedeutiche alla norma sulla certificazione, potrebbe essere applicato anche nel nuovo codice degli appalti. 

Vi è un’altra domanda cruciale che riguarda il nuovo codice degli appalti: perché livellare verso il basso la nuova normativa pubblica rendendo di fatto il richiamo alla certificazione un “dettaglio” marginale? Inoltre, nel testo le donne tornano ad essere definite e considerate soggetti “svantaggiati” da “includere” parimenti ad altre minoranze e categorie protette”: inaccettabile dal punto di vista delle donne!

Così si torna nuovamente alle “donne come varie ed eventuali” e non come maggioranza della popolazione, esclusa dal mercato del lavoro per assenza di politiche corrette e per un mercato poco equo sul fronte della concorrenza. 

Anche negli appalti pubblici il capitale umano femminile, sebbene presente ancora in quantità minore in settori come le costruzioni, l’energia, i trasporti, il digitale, e’ una risorsa imprescindibile per la crescita del Paese e per le sue imprese. 

Come già in occasione del manifesto di DONNE PER LA SALVEZZA, il network che rappresenta queste istanze e numerose parlamentari ed esperte, tornano a chiedere con forza la reintroduzione dellarticolo 46 bis nel testo legislativo e un dialogo aperto con il Governo e il Parlamento su una materia fondamentale per crescita, equità e concorrenza, che si ispiri ai valori più alti e non si accontenti di standard qualitativi più bassi.

Hanno aderito allappello

Le Contemporanee
Rete per la Parità 
ASviS 
Base Italia
Fuori Quota
GammaDonna
Human Foundation
Se Non Ora Quando – Libere
Fondazione Soroptimist Club Roma 
Differenza Donna Aps
Assist – Associazione Nazionale Atlete Aps
One Billion Rising Italia 
Rebel Network aps
Associazione SconfiniAmo
Associazione l’Abbraccio del Mediterraneo
Family Smile 
Kyoto Club Italia
Human Rights international Corner 
Nuove Ri-Generazioni
Young Women Network
Associazione Acume
Associazione Blu Bramante 
A2030 Social Innovation Designers
UIL, Coordinatrice Pari Opportunità 
CGIL, Ufficio politiche di genere
EquALL
Women in Film, Television & Media Italia
Valore D

Saranno presenti alla Conferenza Stampa e prenderanno la parola

Marco Bentivogli, Base Italia 
Sabrina Bernardi, Rete Parita’ e SconfiniAmo
Elena Bonetti, Deputata Italia Viva
Susanna Camusso, Senatrice Partito Democratico
Andrea Catizone, avvocata, Family smile 
Mariolina Coppola, Le Contemporanee e imprenditrice
Annalisa Corrado, Kyoto Club Italia 
Beatrice Covassi, europarlamentare Partito Democratico
Benedetto Della Vedova, Deputato + Europa 
Chiara Gribaudo, Deputata del Partito Democratico – in collegamento 
Anna Maria Isastia, Fondazione Soroptimist Club Roma 
Marianna Madia, Deputata Partito Democratico
Riccardo Magi, Deputato +Europa 
Alessandra Maiorino, Movimento 5 stelle 
Marcella Mallen, Presidente ASviS
Valeria Manieri, Le Contemporanee
Giovanna Melandri, Human Foundation 
Antonio Nicita, Senatore Partito Democratico
Rosanna Oliva, Rete per la Parità
Arianna Pigini, Abbraccio del Mediterraneo 
Lia Quartapelle, Deputata Partito Democratico  – in collegamento
Debora Serracchiani, Deputata Partito Democratico

Fonte: Le Contemporanee

Il Parlamento, in seduta comune, ha eletto i dieci componenti laici del Consiglio Superiore della Magistratura.

Sono state necessarie due riunioni: nella prima sono stati eletti nove componenti perché Fratelli d’Italia ha dovuto sostituire la candidatura di Giuseppe Valentino con quella di Felice Giuffrè per il rifiuto del M5S di votarlo a causa di un’indagine a suo carico a Reggio Calabria.

La recente riforma del CSM ha provocato un accordo bipartisan in Parlamento raggiunto superando il criterio della spartizione delle cariche senza entrare nel merito delle candidature. Infatti, per la prima volta è stato sostituito un candidato e l’accordo globale ha comportato il rispetto dell’equilibrio di genere con l’elezione del 40% delle donne tra i componenti laici.

Il risultato è dovuto al risalto dato sulla questione nei mass media e alle pressioni delle associazioni che la Rete per la Parità ha contribuito a diffondere.

La nostra associazione ha dimostrato anche che le donne competenti ci sono, attraverso le candidature di tre socie: la docente e Avvocata Marilisa D’amico e le Avvocate Antonella Anselmo e Sabrina Bernardi.

Meno soddisfacente il risultato della riforma del CSM sulla prima elezione dei componenti togati. Non è stato neanche rispettato l’equilibrio di genere: sono state elette solo quattro donne su sedici.

La Rete per la Parità augura buon lavoro all’intero nuovo CSM e in particolare alle donne, per la prima volta otto su trentatré componenti.

La Rete per la Parità esprime soddisfazione per la conclusione del percorso che ha portato al nuovo Statuto e all’organizzazione rinnovata dell’ASviS. Confermata dall’ assemblea degli aderenti del 14 dicembre la presidenza di Marcella Mallen e di Pierluigi Stefanini per il triennio 2023-2025, con Enrico Giovannini che sarà direttore scientifico dell’associazione e Giulio Lo Iacono […]

Il prossimo 13 dicembre il Parlamento sarà chiamato in seduta comune a eleggere i dieci componenti laici del nuovo Consiglio Superiore della Magistratura.

Per la prima volta l’elezione dovrebbe avvenire sulla base del criterio di “trasparenza nelle procedure di candidature” e “nel rispetto della parità di genere“, come sancito dalla legge n. 71 del 2022.

Nell’avviso pubblicato sui siti di Senato e Camera, per quanto riguarda la parità di genere, si prevede che deve appartenere al genere meno rappresentato il 40% dei candidati. Ove nel termine del 10 dicembre, fissato per la presentazione delle candidature, non risulti raggiunta la percentuale suddetta, sono previsti per tali candidature altri due termini: il 12 dicembre e da ultimo il 13 dicembre a cura dei Gruppi parlamentari, per assicurare la percentuale minima prevista per il sesso sottorappresentato.

Come associazione che si adopera fin dalla sua fondazione nel 2010 per il pieno riconoscimento della parità uomo – donna sancita dalla Costituzione, auspichiamo che tutti i Gruppi parlamentari (è necessaria la maggioranza dei 3/5 dei componenti l’assemblea) arrivino al voto previsto per lo stesso 13 dicembre mediante un percorso di valutazione in trasparenza delle candidature che saranno pubblicate quotidianamente sul sito della Camera, nel rispetto del criterio della parità di genere imposto anche dalle norme costituzionali, (artt. 3 e 51), da atti comunitari e dall’obiettivo 5 dell’Agenda ONU 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Purtroppo quanto avvenuto in questo primo avvio della Legislatura suscita preoccupazioni: nel nuovo Parlamento nel quale si è ridotta la presenza delle donne (si è passati alla Camera dei deputati dal 35,71% al 32,25% e al Senato dal 34,69% al 34,47%), la maggioranza non ha eletto nessuna donna nelle Presidenze delle Commissioni (quattordici presidenti uomini a fronte delle sei Presidenti donne nella diciottesima legislatura), e nel Senato sono state elette soltanto due donne a fronte delle tre della precedente legislatura.

La Rete per la Parità – dichiara Rosanna Oliva de Conciliis, presidente onoraria dell’associazione – nell’ambito dell’impegno per favorire il rispetto dei principi costituzionali, ha costantemente approfondito anche il tema della ridotta presenza di donne nel Consiglio Superiore della Magistratura e della necessità di norme elettorali di garanzia di genere nell’elezione dello stesso. La prima iniziativa è stata, nel lontano 2014, il Convegno L’equilibrio di genere nelle giunte e nei consigli di amministrazione”.

In questa delicata fase dell’avvio verso il primo CSM composto con le nuove regole – conclude Rosanna Oliva de Conciliis – proseguiremo nell’impegno per assicurare l’equilibrata presenza di donne e uomini nei luoghi decisionali, quale appunto il CSM.”.

La Rete per la Parità e il suo Comitato Scientifico si augurano che sia presentato un consistente numero di candidature di avvocate e di docenti universitarie in possesso dei requisiti e che il Parlamento assicuri tra i componenti laici l’equilibrata presenza di uomini e donne nel CSM, organo costituzionale garante dell’autonomia e dell’indipendenza della magistratura dagli altri poteri dello Stato.